22 maggio 2018

Neve Cosmetics Blush Garden | Swatch & Review



I Blush Garden non sono di certo una novità in casa Neve Cosmetics, ma se come me amate utilizzare prodotti cremosi sul viso man mano che le temperature si alzano, penso potrebbe farvi comodo un ripassino.

26 aprile 2018

Neve Cosmetics Dessert à Lèvres | Swatch & Review


Il momento che tanti aspettavano è arrivato, Neve Cosmetics ha riformulato la linea di rossetti Dessert à Lèvres e dopo averli provati e gioito in silenzio per settimane posso finalmente parlarvene. 
Nuovo packaging, nuova formula, quattro nuove tonalità che vanno ad aggiungersi a quelle già presenti in gamma per un totale di 14. Go big or go home, insomma.

Premessa: non conosco la formulazione precedente dei Dessert à Lèvres quindi non potrò fare nessun tipo di confronto, né in termini di resa né tra le tonalità. Inutile come una crema solare spf 6.


Il packaging da quasi-infantile passa ad un alluminio specchiato con un certo peso. La formula è ricca di cere vegetali e oli, ma carica di pigmento per garantire un colore pieno, comfort e durata. 
Effettivamente queste caratteristiche si percepiscono molto bene durante l'applicazione, il prodotto scorre facilmente sulle labbra senza però scivolare via e dare la sensazione che di lì a poco se ne andrà in giro per la faccia.
E' una texture morbida, burrosa, ma molto stabile. Ha un effetto incredibilmente rimpolpante e levigante, sembra quasi una maschera istantanea che rende le labbra più piene, idratate e distese.
Adoro il taglio che è stato dato al rossetto, che - in combinazione con l'altissima pigmentazione - permette di ottenere contorni perfettamente definiti senza bisogno di armeggiare con matite e pennelli. Io lo faccio comunque perchè ho dei problemi, ma non sarebbe assolutamente necessario.
Credo che 'creamy matte' sia la definizione perfetta per il finish. Ovviamente diventicatevi l'effetto ultraopaco dei rossetti liquidi, piuttosto pensate ad un rossetto cremoso con uno sheen che dona tridimensionalità alle labbra, che però con il passare delle ore si fissa diventando più opaco. Se invece desiderate ottenere subito questo effetto basterà tamponarlo leggermente con una velina subito dopo averlo applicato.

La durata è buona. Come è normale che sia mangiando e bevendo tendono a sparire al centro delle labbra, senza però mai sbavare e soprattutto si ritoccano facilmente in due secondi.   

Ho parlato in generale perchè trovo la linea molto coerente, non ho notato differenze abissali nelle performance o nella resa (se non per Apfelstrudel, l'unico a contenere una perla al suo interno), nulla è stato lasciato al caso. 

Passiamo ora alle colorazioni.


La gamma è composta da 14 tonalità che vanno dai nude, ai rosa, ai malva, ai rossi. Sicuramente i margini di ampliamento sono infiniti, ma per il momento la trovo un'ottima offerta soprattutto per quanto riguarda il reparto nude/marroncini, li vedo funzionare su un ampio spettro di carnagioni. 

Mi dispiace non farvi vedere le tonalità direttamente applicate sulle labbra, vi assicuro che il senso degli swatch sul braccio sfugge prima di tutto a me, ma l'eczema di cui mi sto lamentando da mesi non mi ha concesso niente di più. Non è una bella visione.


Panna Cotta è un nude rosato, nonché il colore esatto delle mie labbra.
Almond Cookie è un nude beige caldo, ma su di me per nulla aranciato.
Syrup Waffle è una delle nuove tonalità, un bellissimo color caramello intenso.
Plumcake, ormai più una leggenda che un rossetto, è un prugna spento.
Questi sono i quattro che sto utilizzando più spesso, li trovo estremamente versatili e semplici da portare.  


Fruit Sushi è un rosa corallo così estivo che più estivo di così non si può.
Strawberry Sandae è un rosa fragola intenso.
Mousse Framboise è un color lampone freddo.
Blueberry Pancake, nuova tonalità, è un fucsia violaceo. O un violaceo fucsia.
Apfelstrudel, nuova tonalità, è l'unico perlato della linea ed è un malva molto muted. 


Pink Donut è un rosa corallo.
Sakura Mochi è un rosa scuro leggermente malva. Il primo rosa mai creato che mi sta bene e che porto con piacere. 
Raspberry Jelly, nuova tonalità, rosso melograno leggermente satinato.
Chocolate Eclair è un rosso caldo con una buona dose di marrone al suo interno.
Cherry Pie è un rosso classico bilanciato. 


Nel caso non fosse chiaro, sono rimasta davvero colpita da questo revamp nella sua interezza.
Credo sia arrivato ufficialmente il momento di dimenticarci dei rossetti naturali che durano il tempo di uno starnuto, le performance dei Dessert à Lèvres sono tranquillamente paragonabili a quelle di rossetti che contengono siliconi&co. (e sono anche molto più costosi).
I miei top picks sono sicuramente Panna Cotta, Almond Cookie, Plumcake, Syrup Waffle, Blueberry Pancake, Sakura Mochi e Raspberry Sandae.
I Dessert à Lèvres sono in vendita da oggi 26 aprile sul sito www.nevecosmetics.it come sempre in offerta lancio, al prezzo di 11,61€. Prezzo pieno 12,90€. 



 (*) I prodotti mostrati mi sono stati inviati e il post è sponsorizzato dall'azienda, il cervello però è il mio e le opinioni espresse sono solo frutto della mia esperienza.

28 marzo 2018

Neve Cosmetics Tea Time Collection


Con la primavera, oltre a pollini, allergie e tragedie correlate, arrivano anche le nuove collezioni.
Esce oggi la Tea Time di Neve Cosmetics, una collezione delicata e romantica, con qualcosa in più.

5 marzo 2018

Neve Cosmetics Star System Foundation | Review, Swatch, Before&After


In casa Neve Cosmetics non riposano mai e a pochi mesi dall'uscita del fondotinta liquido - il Creamy Comfort, review qui - abbiamo un nuovo arrivato nello stesso reparto: Star System, un fondotinta in stick arricchito con cere e oli, completamente naturale e vegan, adatto alle pelli miste e grasse, dal finish vellutato, che cancella i pori, ti paga l'assicurazione della macchina se dimentichi di farlo e ti monta i mobili dell'Ikea. 
Sulla carta la mia anima gemella. 
In pratica, ho dovuto aspettare e soffrire un po' prima di poter testare il nostro grado di affinità. Perchè appena arrivato tra le mie mani avevo la pelle stranamente secca e "non mi sembra il caso di provarlo in certe condizioni, tanto domani torno a friggere panelle sulla fronte". Poi però la situazione invece di migliorare è degenerata malissimo, mi è partito l'eczema da istamina e per un paio di settimane, oltre a sembrare Super Sloth, non ho potuto mettere nulla sul viso. 
Quindi la mia preziosissima opinione arriva un po' in ritardo, ma comunque in tempo nel caso vogliate approfittare dello sconto del 15% e delle spese di spedizione ad 1 euro sul sito.


Partiamo parlando del packaging e della quantità che contiene, dettagli marginali quando si valutano le prestazioni di un prodotto, non così tanto quando si pensa di acquistarlo.
4 ml di prodotto. Non grammi, ml.
Ci sono diverse reazioni possibili, io mi sono chiesta il perché di una scelta del genere e l'azienda, leggendomi nel pensiero, ha spiegato che questa è stata obbligata dal tipo di packaging, tenendo presente che essendo totalmente privo di acqua - quindi altamente concentrato - la resa sarebbe stata di gran lunga maggiore rispetto ad un classico fondotinta liquido.
Per me ha totalmente senso. Non condivido la scelta del packaging, ma la capisco, ci sono un sacco di creature mitologiche là fuori che non sanno cosa sia una Beauty Blender e non sono nemmeno interessate a scoprirlo.


A tal proposito trovo interessante che il tipo di applicazione che mi ha fatto inizialmente detestare questo fondotinta sia proprio la spugnetta. L'ho trovato difficile da far aderire alla pelle e sfumare in modo omogeneo, cakey e poco coprente.
Con le mani è andata decisamente meglio, ma è stato l'Azalea Flat a farmi cambiare definitivamente idea. 
Lavorandolo nella pelle con un pennello denso e piatto, picchiettando nelle zone dove si desidera maggior compattezza, l'effetto mi piace molto.
Non lo definirei full coverage, assolutamente, ma ha comunque un'ottima coprenza - all'occorrenza stratificabile - senza essere particolarmente visibile, soprattutto dopo averlo fissato con una cipria sottile e uno spray come Nebbia Fissante.
Su di me il finish non è totalmente opaco, vellutato sì, ma mantiene comunque una leggera luminosità, quel poco che basta per non eliminare completamente i volumi e rendere l'effetto più naturale.
Il grande pregio di questo fondotinta è sicuramente il comfort, sembra di non avere nulla sul viso, mentre il grande difetto si presenta nelle zone più secche con il passare delle ore, evidenzia inesorabilmente ogni screpolatura. Anche se so di persone con la pelle secca che non hanno questo tipo di problema, valla a capire questa cosa misteriosa che si chiama soggettività.
La durata è buona, non è a prova di bomba, ma non è nemmeno sensibile come il Creamy Comfort, una normale giornata lavorativa la passa tranquillamente.

No Foundation


Star System 'Fair Neutral'


Per quanto riguarda le tonalità, come per il Creamy Comfort, sono in tutto nove. Partendo dalla più chiara, Fair Neutral, passando per diversi sottotoni studiati molto bene, fino ad arrivare alla Dark Warm, la tonalità più scura attualmente in gamma. 
Dico attualmente perchè ovviamente la speranza è che presto riescano ad ampliare il più possibile la gamma, soprattutto per le pelli più scure. 
Fair Neutral per me è un match perfetto, mentre sto utilizzando tantissimo la tonalità Medium Neutral per fare un leggero contouring.


In conclusione, lo Star System è un buon fondotinta per la mia pelle e le mie esigenze. Dico buono e non ottimo solo perchè per me il confronto con prodotti simili a base siliconica è inevitabile, non è giusto, ma non posso farne a meno essendo abituata a texture più leviganti.
Penso non sarà mai la mia prima scelta per occasioni particolari, sicuramente però continuerò ad utilizzarlo con soddisfazione per una base quotidiana.  



(*) I prodotti mostrati mi sono stati inviati e il post è sponsorizzato dall'azienda, il cervello però è il mio e le opinioni espresse sono solo frutto della mia esperienza.

Design by | SweetElectric